L’Ascoli Satriano costringe al primo pareggio l’Audace Cerignola

E’ dell’Ascoli Satriano il merito di rallentare la corsa a doppia velocità dell’Audace Cerignola: nella decima giornata di Promozione, la formazione del presidente Roccia blocca sull’1-1 la capolista. Gallo deve incassare l’assenza a poche ore dal match di Dipasquale, ma non cambia l’assetto tattico: solito 3-4-3 che vede a centrocampo Giuseppe Grieco con Schiavone ed il terzetto composto da Morra-Flavio Amoruso e Monopoli in avanti. Parte bene l’undici ofantino, che nonostante un terreno di gioco tutt’altro che agevole, sfiora il vantaggio prima con Amoruso e poi con Morra. La gara si sblocca al 17’ grazie a Monopoli, lesto nel ribadire in fondo al sacco una respinta di Divincenzo su conclusione di Giuseppe Grieco. Il Cerignola tiene il possesso della palla, ma non si rende ulteriormente pericoloso: sia a causa dell’impossibilità di giocare palla a terra, sia per la precisa disposizione in campo degli uomini di Landi; i gialloblu poi recriminano su un calcio di rigore apparso ai più netto ma non concesso dal signor Mallardi di Bari.

Ad inizio ripresa, gli ospiti hanno subito l’occasione per il raddoppio: Morra approfitta di una svirgolata del portiere di casa e calcia a botta sicura, solo che l’opposizione in extremis di Cuocci sventa il pericolo per i suoi. L’Ascoli Satriano si fa minaccioso con una punizione di Albanese deviata sulla traversa da Marinaro di lì a poco: gli ofantini pareggiano il conto dei legni con Flavio Amoruso, il cui destro dal limite dell’area sbatte sul montante sinistro. L’Audace però ha il torto di tirare progressivamente i remi in barca, consentendo agli ascolani di prendere sempre più l’iniziativa: il filtro in mediana non è più ottimale e Landi rinforza la sua prima linea. Gallo si cautela sostituendo Flavio Amoruso con Pensa ad una manciata di minuti dal termine, ha ragione invece il tecnico locale, che getta nella mischia Cadaleta. Il neoentrato (87’) finalizza una bella azione dei gialloblu preappenninici, trovandosi al posto giusto in area di rigore, sul centro di Montingelli ed agevolato dal velo di Caggianelli. Grieco nel recupero manca per pochi centimetri il gol partita, ma tutto sommato il risultato finale è giusto, con la giustificata esultanza di giocatori e tifosi ascolani. Come nel precedente torneo di Prima categoria, arriva a novembre il primo pareggio per l’Audace, che tuttavia aggiunge una lunghezza al distacco sul Real Siti, attesa al “Monterisi” domenica prossima nell’incontro di cartello dell’undicesimo turno.

ASCOLI SATRIANO-AUDACE CERIGNOLA 1-1

Ascoli Satriano: Divincenzo, Compierchio, Cormio, Dalviso, Cuocci, Andreani, Cristiano, Lamatrice (65′ Montingelli), Caggianelli, Albanese (84′ Cadaleta), Cardinale (79′ Michielli). A disposizione: Laccetti, Manasterliu, Filannino, Dragos. Allenatore: Antonio Landi.

Audace Cerignola: Marinaro, Russo, Colucci S., Ciano, Colangione, Matera, Grieco Giuseppe, Schiavone, Morra, Monopoli, Amoruso F. (84′ Pensa). A disposizione: Vurchio, Amoruso D., Grimaldi, Borrelli, Colucci A., Conte. Allenatore: Massimo Gallo.

Reti: 17′ Monopoli (AC), 87′ Cadaleta (AS).

Ammoniti: Compierchio, Cristiano, Caggianelli (AS); Russo, Monopoli (AC).

Angoli: 1-7. Fuorigioco: 5-4. Recuperi: 2′ pt, 3′ st.

Arbitro: Mallardi (Bari). Assistenti: Colavito (Bari)-Maggi (Barletta).