Divisione della posta ad Altamura: è 1-1 tra Fortis ed Audace Cerignola

Termina 1-1 la gara fra Fortis Altamura ed Audace Cerignola, nella ventesima giornata del campionato di Promozione: gialloblu costretti alla terza “x” del torneo, pur mantenendo un margine sostanzioso sulle inseguitrici. A tre giorni dalla intensa e dispendiosa sfida contro il Real Noci, che è valsa la qualificazione alla finale di coppa Italia, Gallo conferma quasi del tutto in blocco la formazione: rientra dal 1’ Daniele Amoruso in luogo di Conte a centrocampo, Dipasquale riprende il suo posto al centro dell’attacco con Russo in panca. La prima annotazione di cronaca è già decisiva: il Cerignola al 18’ va in rete con il mancino di Lasalandra, servito da Dipasquale in una azione laboriosa ed insistita degli ofantini. Il primo tempo si può definire chiuso qui, anche perché il gioco si sviluppa prevalentemente a centrocampo e gli ospiti sono insidiosi in maniera sporadica; di contro, la Fortis Altamura non preoccupa più di tanto la retroguardia della capolista. Spronati dal nuovo tecnico Valente, i padroni di casa tornano dagli spogliatoi con un ben altro piglio, ottenendo il pareggio al 49’ con Selvaggi (figlio d’arte, il padre è il campione del mondo ’82 Franco), abile a superare Vurchio con una lenta ma precisa conclusione che bacia il palo e si insacca sugli sviluppi di una punizione. Cappiello poco dopo manca di un nulla il bis, mentre l’Audace inizia un tambureggiante forcing alla ricerca del nuovo vantaggio. Amoruso lambisce il montante, poi il portiere murgiano Coretti mette in scena il suo personalissimo show. Nel giro di un minuto doppio intervento prima su Lasalandra e poi sulla rovesciata di Morra, che ha fatto letteralmente gridare al gol la tifoseria cerignolana. Entra Russo per infoltire il pacchetto avanzato, ma gli attaccanti difettano in precisione: di Clemente per la Fortis e Schiavone per le “cicogne” le ultime occasioni del match, senza esito. Una divisione della posta giusta per come si è sviluppata la partita, salutata con entusiasmo dai locali e soddisfazione comunque dall’Audace, che continua ad allungare la striscia di risultati utili. Domenica prossima si torna al “Monterisi”, contro un Polimnia in ascesa e determinato ad uscire dalle zone calde della classifica.

FORTIS ALTAMURA-AUDACE CERIGNOLA 1-1

Fortis Altamura: Coretti, Tarullo, Lasalandra G. (55′ Proggi), Pellicciari, Tancredi, Loiudice, Cappiello (73′ Calderoni), Tresca (46′ Clemente), Pastore, Lorusso A., Selvaggi. A disposizione: Goffredo, Lorusso M., Lanzolla, Pennocchia. Allenatore: Antonio Valente.

Audace Cerignola: Vurchio, Grimaldi (66′ Russo), Colucci S., Amoruso D., Colangione, Ciano, Monopoli, Schiavone, Dipasquale, Lasalandra L., Morra. A disposizione: Marinaro, Colucci A., Grieco Gabriele, Conte, Borrelli. Allenatore: Massimo Gallo.

Reti: 18′ Lasalandra L. (AC), 49′ Selvaggi (FA).

Ammoniti: Loiudice, Proggi, Calderoni (FA); Amoruso D. (AC).

Angoli: 2-10. Fuorigioco: 1-4. Recuperi: 1′ pt, 6′ st.

Arbitro: Tomasi (Lecce). Assistenti: Caracciolo (Lecce)-Marra (Casarano).