Va ancora al Cerignola il derby col Canosa. Domenica festa al “Monterisi”?

E’ bastata la testa del capitano Lasalandra per sbrigare la pratica Canosa, nella ventiduesima giornata del Girone A di Promozione Regionale Pugliese, e avvicinare la promozione matematica in Eccellenza per l’Audace Cerignola. Il fortino gialloblu, nelle mura di casa, resiste settanta minuti prima di cedere il passo ai gialloblu che, in verità, hanno dominato l’intero match. La squadra di mister Scaringella schiera un 4-3-3 pronto a sfruttare le ripartenze rapide: in porta Camerino, con la difesa in linea Dattoli, Abruzzese A., Cafagna e Lombardi; centrocampo a tre con Nesta, Pensa e Cellamaro (capitano), mentre in avanti la punta centrale Lannunziata, supportato da Iacobone e Coppola. Il Cerignola, guidato da Gallo, si dispone col classico 3-4-3: Vurchio tra i pali e tridente difensivo composto da Ciano, Colangione e Colucci A., mentre in mediana il duo Schiavone e Amoruso D. supportati dai laterali Monopoli e Russo; attacco con Lasalandra (capitano), Amoruso F. e Morra.

Il Canosa parte subito aggressivo, provando a spezzare la trama della capolista soprattutto a centrocampo. Al 13’ trova il corridoio facile Lasalandra per Morra che si fa anticipare da Camerino; al quarto d’ora, sempre Morra, spreca una grande occasione solo davanti al portiere sparando a lato. I gialloblù si vedono al 24’, con una punizione da sinistra che chiama all’intervento facile Vurchio. Monopoli sale in cattedra con un’azione personale dalla sinistra: il tiro è respinto sulla linea dal difensore Dattoli a portiere ormai battuto. Partita molto tesa e nervosa, tanto in campo quanto sugli spalti, e il gol annullato a Morra, alla mezz’ora, per fuorigioco molto dubbio accende ancor di più gli animi della gara. Monopoli e Russo si fanno notare nel finale, il primo con un’azione dalla sinistra che impegna l’estremo di casa alla presa in due tempi; il secondo, invece, da destra offre un’occasione ghiotta ad Amoruso che di testa spedisce a lato. Finisce 0-0 il primo tempo.

Secondo tempo di marca Audace, con la squadra del patron Grieco che impegna da subito l’estremo canosino, con Morra che al volo spara alto da buona posizione. Al 53’ l’arbitro non vede un rigore limpido, in area del Canosa, per l’atterramento di Russo che era andato via a Lombardi, scatenando l’ira dei tifosi. Al 67’ è Lasalandra a far gridare al gol ma la splendida rovesciata esce di poco alla sinistra del portiere. Con l’ingresso in campo di Sebastiano Colucci per Russo, complice il cambio di fascia per Monopoli, il Cerignola si dimostra più sciolto e crea occasioni da gol in rapida successione. Al 70’ sblocca il risultato Lasalandra: recupera palla sulla trequarti e apre per Monopoli che da destra dribla un avversario e crossa al centro dell’area dove Lasalandra con un potente colpo di testa sotto l’incrocio dei pali porta in vantaggio l’Audace per la gioia dei tanti tifosi presenti. Il Canosa sembra in balia dell’avversario che in cinque minuti crea altre tre occasioni da gol: al 77’ Morra va via sulla destra ma spara a lato; all’81’ il neo entrato Colucci da sinistra mette a centro area una palla ottima per Morra che manca il tocco sotto misura di un soffio. Un minuto dopo, all’82’, sempre il laterale sinistro crossa sul secondo palo dove Amoruso fa la torre per Morra che spara sul fondo. Non accade più nulla e la partita si chiude sul risultato di 0-1.

Audace a +23 punti sulle inseguitrici Ordona e Apricena, che nello scontro diretto hanno pareggiato; vincendo la prossima sfida, in casa col Giovinazzo, il Cerignola potrebbe festeggiare la promozione in Eccellenza con sette turni d’anticipo.

CANOSA – AUDACE CERIGNOLA 0-1

Canosa: Camerino, Dattoli (85’ Caputo), Lombardi, Abruzzese A., Cafagna, Pensa, Coppola (60’ Abruzzese V.), Cellamaro (81’ Palmitessa), Lannunziata, Iacobone, Nesta. A disposizione: De Blasio, Lamanna, Erminio, Somma. Allenatore: Giuseppe Scaringella.

Audace Cerignola: Vurchio (63’ Marinaro), Russo (63’ Colucci S.), Colucci A., Ciano, Colangione, Schiavone, Monopoli, Amoruso D., Morra, Lasalandra (85’ Borrelli), Amoruso F.. A disposizione: Conte, Grieco Gabriele, Grimaldi, Cappellari. Allenatore: Massimo Gallo.

Rete: 70’ Lasalandra.

Ammoniti: Nesta, Lannunziata, Iacobone (C); Colucci A., Colangione, Morra (AC).

Angoli: 1-6. Fuorigioco: 1-2. Recuperi: 2’ pt, 5’ st.

Arbitro: Capriuolo (Bari). Assistenti: De Frenza-Fracchiolla (Bari).