L’Audace Cerignola gioca a poker con l’Ascoli Satriano

L’Audace Cerignola regala, senza soluzione di continuità, gioie ai propri tifosi: arriva il ventunesimo sigillo stagionale in Promozione al “Monterisi”, battuto 4-1 l’Ascoli Satriano. Come sua intenzione in questo ultimo scorcio di torneo, il tecnico Massimo Gallo opera delle rotazioni nella formazione titolare: la difesa è quella solita, ci sono Conte a centrocampo e Flavio Amoruso in avanti, con Lasalandra lasciato inizialmente in panchina. I gialloblu passano in vantaggio dopo 7′: sugli sviluppi di un corner, l’arbitro Barile vede un tocco di mano del capitano ospite Cuocci: calcio di rigore ed ammonizione per il difensore; dagli undici metri Morra calcia dal lato opposto scelto da Orizzonte ed è 1-0. Flavio Amoruso manca in due circostanze il raddoppio: nella prima, molto bravo il difensore ascolano Andreani che evita una quasi certa marcatura. Intorno alla mezzora, Russo pennella per Morra, la cui zuccata è respinta con gran riflesso da Orizzonte: sulla sfera si avventa Monopoli che ribadisce in porta. La squadra guidata da Landi prova ad uscir fuori, anche se fatica a contenere la propositività dei padroni di casa: Caggianelli può riaprire il match, ma Marinaro con un balzo felino gli devia la conclusione ravvicinata in corner. Così, a pochi istanti dal duplice fischio, Russo impatta al volo un centro proveniente dalla sinistra e realizza la terza rete.

Il Cerignola colpisce due traverse, prima con Conte su punizione e poi con capitan Dipasquale di testa, partendo a spron battuto anche nel secondo tempo: Gallo cambia la cerniera mediana inserendo Gabriele Grieco e Digregorio. Quest’ultimo tuttavia è sfortunatissimo all’esordio in maglia ofantina: malconcio dopo un contrasto a pochi minuti dal suo ingresso, deve lasciare i compagni in inferiorità numerica. Poco prima però, l’altro subentrato Lasalandra manda in porta Monopoli: portiere saltato con un pallonetto e gol facile facile (il numero undici per l’esterno under). In chiusura, nuovo penalty stavolta per l’Ascoli: Lizza, non al meglio e utilizzato per l’ultimo quarto d’ora, supera Marinaro per la rete della bandiera. Giovedì si recupera con la Madre Pietra Apricena la sfida interotta a metà gara domenica 28 febbraio: l’Audace è decisa a non fermarsi e a proseguire nel suo fantastico e personalissimo campionato.

AUDACE CERIGNOLA-ASCOLI SATRIANO 4-1

Audace Cerignola: Marinaro, Russo, Monopoli, Ciano, Colangione, Matera, Morra, Conte (65′ Digregorio), Dipasquale (72′ Lasalandra), Schiavone (58′ Grieco Gabriele), Amoruso F.. A disposizione: Vurchio, Colucci A., Borrelli, Grimaldi. Allenatore: Massimo Gallo.

Ascoli Satriano: Orizzonte (46′ Laccetti), Andreani, Daddato, Seccia, Cuocci, Compierchio, Prencipe (46′ Martinelli), Cadaleta, Caggianelli, Montingelli (76′ Lizza), Miccolis. A disposizione: Manasterliu, Cormio, Farid, Michielli. Allenatore: Antonio Landi.

Reti: 7′ Morra (rig.), 28′ Monopoli, 47′ pt Russo, 73′ Monopoli, 92′ Lizza (AS, rig.).

Ammoniti: Daddato, Cuocci (AS).

Angoli: 4-1. Fuorigioco: 0-5. Recuperi: 2′ pt, 4′ st.

Arbitro: Barile (Foggia). Assistenti: Lacerenza (Barletta)-Latini (Foggia).