Pregara Unione Calcio Bisceglie-Audace Cerignola

Dopo due incontri consecutivi in casa, l’Audace Cerignola torna in trasferta, per sfidare l’Unione Calcio Bisceglie, nella decima giornata di Eccellenza (domani a Terlizzi, ore 14.30). Gli ofantini si sono confermati al vertice della classifica, battendo in zona Cesarini il Novoli domenica scorsa per 1-0, grazie alla marcatura di Ladogana: un successo sofferto ma legittimo del Cerignola, squadra che sta dimostrando di saper soffrire. «E’ stata una vittoria importante -conferma mister Farina-, siamo stati bravi ad avere pazienza e fare gol al momento giusto, anche se avremmo preferito farlo prima». Segnali positivi per i gialloblu, che settimana dopo settimana rafforzano il proprio morale: «Ho trovato un gruppo di ragazzi eccezionali che si impegnano in allenamento con grande intensità: questo fa sì che la stessa intensità la riporti in campo e che sia decisiva. Sono felice anche del fatto che i subentrati non fanno rimpiangere chi sostituisco, risultando poi essenziali per vincere le partite». Sugli avversari di domani: «Li ho visti giovedì in coppa col Barletta ed hanno fatto una prestazione eccezionale: hanno difensori importanti come Anglani e Bartoli, centrocampisti come Caprioli e davanti ci sono Moscelli, Vitale e Ventura. Non esistono gare facili -prosegue il tecnico casertano-, l’Unione Calcio va affrontata nel modo giusto ed il pronostico può pendere da qualsiasi parte». Torna fra i convocati Michele Cappellari, l’under mancava dall’elenco da più di un mese: defezione però dell’ultima ora per Albanese, che salterà l’incontro. Farina potrebbe confermare in gran parte l’undici visto col Novoli, trovando il sostituto sull’esterno alto di sinistra, mentre Ladogana dovrebbe essere titolare al posto di Lasalandra.

L’Unione Calcio Bisceglie ha fin qui raccolto 13 punti e staziona al nono posto della classifica: il ruolino di marcia vede quattro vittorie, altrettante sconfitte ed un solo pareggio, peraltro ottenuto domenica scorsa con l’Hellas Taranto; venti i gol fatti, dieci quelli subiti. Scorrendo l’organico a disposizione dell’allenatore Zinfollino (che portò in Eccellenza l’Audace nella stagione 2008/2009), sono giustificate le ambizioni di vertice del club adriatico, anche se si vuole ottenere il prima possibile la salvezza. Una sola vittoria in quattro uscite interne per i biscegliesi, che puntano sul loro calciatore più rappresentativo, Fabio Moscelli, uno dei pezzi più pregiati dell’intera categoria. Dirigerà l’incontro un arbitro di fuori regione, il sig.Pierobon della sezione di Castelfranco Veneto, coadiuvato dagli assistenti Nardi e Talucci di Taranto.