Pareggio 0-0 tra Cerignola e Picerno

Non si va oltre il pareggio tra Audace Cerignola e Az Picerno, in una gara che ha visto i lucani difendersi per novanta minuti con tutti gli uomini dietro la palla. Non basta l’offensiva gialloblù, le punizioni di Marinaro, i guizzi di Loiodice e Louzada, la tenacia del centrocampo ofantino.

Grimaldi schiera dal 1′ il nuovo acquisto Moro, con Pollidori e Ngom in mezzo al campo, mentre in avanti c’è Marinaro a comporre il trio con Longo e Loiodice. Al 6′ la punizione mancina di Carmine Marinaro termina non molto alta sulla traversa. Replica il Picerno con una delle rare apparizioni nella zona di Abagnale, al 13′: Esposito è parato in due tempi dall’estremo difensore ofantino. L’Audace ci prova in almeno altre tre occasioni ma nulla da fare.

Al rientro dagli spogliatoi, Ciano rileva l’infortunato Allegrini in retroguardia. Qualche minuto più tardi anche Longo lascia spazio a Louzada. Al 50′ Pollidori da sinistra passa al centro ma Loiodice la tira su Ioime, che para. Proteste cerignolane poi al 65′ per un presunto tocco col braccio di Impagliazzo su cross di Louzada. Col passare dei minuti i lucani si chiudono a muro. Al 92′ Ngom non arriva su traversone basso di Sante Russo. Non si sblocca la gara e finisce con un pareggio.

«Abbiamo incontrato una squadra che si è difesa ad oltranza – ha detto Teore Grimaldi a margine della gara -, anche con ostruzionismo e con perdite di tempo. Hanno rinunciato a giocare. Ognuno interpreta il calcio a modo suo, ma credo che dall’altra parte si possa parlare ben poco di calcio. Hanno pensato solo a difendersi. Avremmo potuto far goal, ma la sorte non ha girato dalla nostra. Con l’uscita dal campo di Longo, non avendo più un riferimento in avanti non siamo riusciti a trovare la rete. Ma ribadisco, trovare la rete con una squadra che si difende con modulo uno dieci è difficile. Veniamo da un filetto di gare con risultato, adesso ricarichiamo le batterie e guardiamo avanti».

Cerignola ora quarto a -3 dal Potenza capolista. Adesso, prima della pausa natalizia, c’è mercoledì la Nocerina per i sedicesimi di finale di coppa Italia (in trasferta). Il 7 gennaio prossimo, con l’incontro casalingo con lo Sporting Fulgor Molfetta si inizierà il girone di ritorno.

AUDACE CERIGNOLA-AZ PICERNO

Audace Cerignola: Abagnale, Cappellari, Di Bari, Allegrini (46’ Ciano), Di Cillo, Pollidori, Moro, Ngom, Marinaro C. (81’ Russo S.), Longo (52’ Louzada), Loiodice. A disposizione: Maraolo, Compierchio, Matere, Cianci, Russo L., Bruno. Allenatore: Teore Grimaldi.

Picerno: Ioime, Cosentino, Impagliazzo, Carrieri, Caponero, Franzese, Agresta (78’ Romano), Esposito R. (67’ Lolaico), Matinata, Esposito E., Morra (87’ Sgovio). A disposizione: Romaniello, Claps, Sinisgalli, La Gioia, Giardinetti, Imbriola. Allenatore: Pasquale Arleo.

Ammoniti: Abagnale (AC); Franzese, Esposito E. (P).

Angoli: 6-1. Fuorigioco: 2-1. Recuperi: 1′ pt, 4′ st. 

Arbitro: Bindella (Pesaro). Assistenti: Colasanti (Grosseto)-Vannini (Siena).

CLASSIFICA ALLA DICIASSETTESIMA GIORNATA

Potenza 42; Cavese, Team Altamura 40; Audace Cerignola 39; Taranto, Gravina 29; Az Picerno, Nardò 26; Sarnese 21; Pomigliano 20; Gragnano 19; Alto Tavoliere San Severo, Francavilla in Sinni 14; Turris (-4), Frattese, Manfredonia 13; Aversa Normanna 10; Sporting Fulgor 9.